Scanner Fujitsu ScanSnap SV600 – Lo Scanner che non tocca i documenti

dcanTra la sfortuna e la tristezza di essere un lavoratore precario, e come tale sbattuto sempre in posti diversi, questa volta ho avuto la possibilità di vedere all’opera uno strumento molto interessante: Lo scanner SCANSNAP SV600 prodotto dalla FUJITSU, una marchio che da qualche tempo sta sfornando del materiale, in ambito informatico, più che discreto.
Anche se spacciato come scanner professionale io ci andrei un po’ cauto e lo definirei “semiprofessionale”. I veri scanner professionali vengono usati per digitalizzare reperti cartacei molto preziosi e di valore come, ad esempio, quelli dell’archivio storico del Vaticano, attrezzature che non si trovano al centro commerciale, dovrebbero avere un costo sulle centinaia di migliaia di euro e ne ho sentito solo parlare, nemmeno vedere!
Questo almeno l’ho potuto toccare, installare e provare. Dunque, la società in questione aveva l’esigenza di eseguire delle scansioni scopo archiviazione su dei volumi abbastanza vecchi e malridotti che non era il caso di schiacciare e stressare sul piano di uno scanner tradizionale per non danneggiarli.
Lo scnansnap sv600 lo può fare, la sua particolarità è proprio questa. Non è necessario nessun contatto con il documento. Ha un ingombro abbastanza ridotto e si può appoggiare sulla scrivania. E’ composto da una struttura con un braccio alto 40cm circa ed una base di appoggio larga più o meno come un foglio A3 che è il formato massimo che può scansionare. Il gruppo ottico/luminoso è montato sopra il braccio, basta premere un pulsante e parte una banda luminosa che punta la base dove c’è il documento, lo scansiona per tutta l’altezza, digitalizza il testo e ne elabora l’immagine. Ovviamente il grosso del lavoro lo fa il software che è ” abbastanza intelligente” da eliminare imperfezioni , alterazioni, pieghe dell’originale e molte altre opzioni come riallineare documenti posizionati male. Ho detto software abbastanza intelligente, ma non proprio intelligentissimo, visto che il tutto va comunque rivisto, a seconda delle condizioni del “reperto” qualche “C” si può chiudere e diventare una “O” e allora bisogna correggere manualmente. E’ molto veloce, fa tutto in pochi secondi e si è pronti per girare pagina e proseguire. L’uso è abbastanza semplice ed intuitivo e non ho dovuto penare molto per spiegarlo all’archivista.
Il prezzo di listino è 800,00 euro.

I commenti sono chiusi.